Delle due l’una: o sono nemici del Popolo italiano o sono imbecilli.

Non dovevano fare la rivoluzione i grillini?

Non li avevano circondati tutti per mandarli a casa?

No, invece vanno a cena e a pranzo con la maffioneria che ha svuotato le tasche degli italiani, rapinato la nazione imponendo privatizzazioni a tutti i livelli industriali e economici.

Altro che opposizione, si sono dimostrati i migliori collaborazionisti della casta politica sottomessa da decenni alle lobby finanziarie straniere, i vari Di Maio, Dibattista e Fico si atteggiano a leaders senza aver mai messo in discussione il metodo, anzi lo difendono, maiali che sguazzano nel pantano del tanto peggio per un eventuale ma improbabile ritorno elettorale per riprovare a sedersi in Parlamento con la stessa faccia da culo, prometteranno redditi di cittadinanza a un elettorato privo di spirito critico, milioni di ignoranti voteranno questi imbonitori nominati da un criminale, assassino, irresponsabile, colluso fino al midollo con i poteri finanziari che saccheggiarono la nazione, e continuano a farlo, vedi il risultato della ricerca interna di questo blog:

http://www.giovannisandi.com/?s=grillo+mentana+britannia


Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

Se cade il Governo Renzi si va a elezioni, diversamente sarà rivolta, ma c’è un “ma” per M5S…

fico_di_battista_di_maio
Tre facce da culo – la legge che depenalizza la clandestinità è opera loro.

Con l’esito scontato del NO al referendum costituzionale, la caduta del Governo Renzi non è impossibile, può accadere anche che Mattarella su proposta dei gruppi parlamentari nomini qualcuno, sempre in regola con la Costituzione art. 92 negando le elezioni, con il rischio grave di una rivolta popolare, questa volta negare il voto agli italiani potrebbe costare 5 mila morti nelle piazze italiane con la presa di Montecitorio, la bastiglia italiana. 😀

Il MA nel titolo di questo post, significa che per il Movimento 5 stelle, nel caso si vada a elezioni, nessuno venga eletto o rieletto e si ritroverebbero tutti a spasso per le vie di Roma a denunciare presunti brogli elettorali e a infiammare gli animi urlando “onestà” facendo proselitismo, chiedendo elemosine per vaffa-day, ormai fuori moda.

Dal punto di vista dei pentastellati andare a elezioni non risulta conveniente, il rischio di rimanere sotto la soglia di sbarramento è altissimo, purtroppo, loro malgrado vi è un difetto nella loro comunicazione non sono capaci di dire esattamente come stanno le cose infatti di cazzate ne hanno raccontate fin troppe oltretutto senza il bisogno di farlo.

La prima solenne cazzata, la più importante, ripetuta come un mantra agli italiani per tutta la legislatura da Grillo e da tutti i suoi parlamentari: “abbiamo restituito allo stato il rimborso elettorale del 2013 di 42 milioni di euro”, non hanno restituito un cazzo, dal momento che per restituire bisogna ricevere, lo stato non ha erogato nessun rimborso elettorale al M5S dal momento che fu accertato che lo statuto dei pentastellati non era in regola con la norma che regola i rimborsi elettorali.

Quindi se vi raccontano una balla di questo genere, che tipo di credibilità pensavano di costruire, quella che non prendono soldi?

E allora perchè hanno così tanta paura di uscire dal parlamento con le prossime elezioni, hanno riparato il guasto, lo statuto sarà in regola e potranno dire che restituiranno l’eventuale rimborso elettorale? Ma i sani di mente ci potranno credere? O ne subiremo ancora le balle e sia mai anche il potere politico? Viste le cazzate già commesse stando all’opposizione: la proposta di legge per la depenalizzazione del reato di clandestinità porta la loro firma, con la grave conseguenza che il paese è invaso da soggetti pericolosi, nemmeno Renzi, Monti e Letta ebbero il coraggio di proporla, ma le facce da culo dei parlamentari M5S sono per fisionomia imbattibili.

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

 

L’immagine che vale più di 1000 parole

tempopersom5s

L’ira della base grillina dopo l’incontro di Di Maio con i lobbisti amici di Renzi

Ira della base grillina per l’incontro di Di Maio con i lobbisti di “FB Associati” che hanno finanziato la Fondazione renziana Open: il vostro datore è il popolo

Sorgente: L’ira della base grillina dopo l’incontro di Di Maio con i lobbisti amici di Renzi