“Houston, abbiamo un problema”: LA FOLLA PSICOLOGICA

La folla psicologica può determinare il cambiamento sociale, sia in male che in bene, solo temporaneamente e per un tempo breve, fintanto che la folla psicologica è in preda al suo delirio.

Questo la dice lunga sull’intelligenza della folla: il leader, che peraltro è un disonesto ciarlatano, ha incredibilmente innescato la follia della folla con il “vaffanculo” verso altri individui responsabili solo formalmente di aver utilizzato male il potere politico delegato dalla stessa folla, che ora è diventata PSICOLOGICA, avendo incontrato il più basso scadente livello politico,  gestito dal furbo soggetto che si avvale di una notorietà immeritata, Pippo Baudo, ma che cazzo hai fatto?

(inacettabile per chi ha le funzioni cognitive normali)

Questo stronzo (il leader), al posto di essere in galera per triplice omicidio volontario per grave dolo eventuale (corretta imputazione), fu graziato da un pubblico ministero che gli imputò il reato di omicidio colposo plurimo, che alla fine dei gradi di giudizio risultò essere il migliore sconto di pena pari al 90%.

Anche della magistratura, che dovrebbe tutelare la collettività dal male, non possiamo pensare bene,  la magistratura ha ancora margini per recuperare la credibilità persa, tranne il muratore tedesco che diventò per magia vice questore di Milano e sempre magicamente pubblico ministero. Ma è un discorso a parte. 😀

Inoltre, ricordo ai membri della FOLLA PSICOLOGICA il fatto gravissimo lo stronzo ha  mentito pubblicamente sulla sua partecipazione al meeting del Britannia. Il capo banda, all’anagrafe Giuseppe Piero Grillo nato a Genova il 21 luglio 1948 detto Beppe Grillo, ormai conosciutissimo sul web come il “troglodita di Genova” ha partecipato al meeting del Britannia il 2 giugno 1992 – riunione di criminali nella quale furono decise dai pirati finanziari di Wall Street modalità e tempi per rapinare l’Italia.             “PRIVATIZZAZIONI”

Ulteriori chiarimenti:  http://www.giovannisandi.com/?p=2446

La folla psicologica controllata nei sentimenti da furbastri consapevoli e inconsapevoli ciarlatani, consente al capo banda il consenso politico di decidere qualsiasi cosa, anche la peggiore e contraria agli interessi collettivi.

La folla psicologica è incapace di avvertire l’inconsistenza pratica e politica delle azioni del capo banda, ma nel nostro regime democratico è permesso dalle regole costituzionali che il consenso politico sia delegato, purtroppo, anche ai soggetti capaci di trattare la folla psicologica stessa.

Folla psicologica che nei fatti è branco di insignificanti individui ignoranti, privi di spirito critico, quindi facili prede, ottimamente strumentalizzabili per ogni circostanza, inducendoli ad accettare e prendere per buona qualsiasi cazzata che il capo banda proferisce.

Il capo banda, (fonti credibili del 2007, citavano un patrimonio personale valutato 400 milioni di euro) sfrutta i deboli per arricchirsi ulteriormente con promesse demagogiche per la loro evidentissima inattuabilità materiale, vedasi la promessa sui redditi di cittadinanza e i grotteschi fatti di cronaca pregni di stupidità, la richiesta dal basso di finanziare una piattaforma democratica controllata da una società a responsabilità limitata (Srl) che appartiene agli eredi di un soggetto che ha fallito tutti i suoi obiettivi economici tranne questo, che in un caso o nell’altro hanno ingenti guadagni tramite internet, con click sui siti web che non sono altro che mercato pubblicitario. infatti il blog personale del capo banda dove proferisce la sua minchiata quotidiana, altro non è che una bottega virtuale caricata all’inverosimile di pubblicità commerciale, con centinaia di milioni di visitatori psicologici all’anno: tradotti in milioni di euro che incassa su conto estero, Kenya, Svizzera, Costa Rica… ???

Il cretino che compone la folla psicologica difende il capo banda, rendendosi ancor più ridicolo anche a se stesso, nonostante sia consapevole che il capo banda è un soggetto inaffidabile in quanto criminale, che porterà tutti a tempi molto bui.

La caduta, l’arresto o la morte del leader (il capo banda), anche violenta, spegne il delirio della folla psicologica e ne sviluppa il sentimento contrario, la folla psicologica assume la consapevolezza di aver seguito un odioso inconcludente disonesto dannoso soggetto ulteriormente arricchitosi, anche se, al suo posto si insedierà un individuo con annunciate migliori capacità e onestà, risulterà evidente che i danni saranno delle violente rivolte contro il sistema, quel sistema che adotta il metodo politico attuale, il capo ciarlatano e i suoi luogotenenti non hanno nemmeno provato a mettere in discussione il metodo, essendo loro nel metodo politico perfettamente adeguati e abili di comprendere che il problema è il metodo e lo sfruttano, come i magnaccia con la prostituzione.

Milioni di morti, spero saranno i cadaveri dei membri della folla psicologia, li vedremo, la storia insegna.

“BASTA CRETINI”, questo dovrà essere il motto degli Italiani che vogliono pace e prosperità generale.

Il cretino è colui che agisce contro il proprio e collettivo interesse.

Invito tutti, quelli che ne sono ancora capaci, a riflettere.

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

Alessandro Cecchi Paone – Stronzate il TV

Alessandro Cecchi Paone ha detto in TV che in Italia servono 150.000 clandestini per la raccolta dei pomodori…
La testa di cetriolo non sa che i pomodori si raccolgono con le adeguate macchine agricole.
Credere alle teste di cetriolo che appaiono in TV è dannoso.
I pomodori si raccolgono con le macchine agricole:

 

Estratto da it.wikipedia.org:

Alessandro Cecchi Paone vive l’infanzia tra Chieti, Lanciano e Napoli. Dopo aver conseguito la maturità classica, si laurea a pieni voti in Scienze Politiche sulla Cooperazione internazionale. Ha vissuto in Spagna, dove ha sposato una giovane spagnola da cui si è separato dopo sette anni. Dal 1985 vive a Milano, dove ha insegnato marketing della comunicazione culturale alla Bocconi e all’Università Ca’ Foscari a Venezia. È docente di teoria e tecnica del documentario turistico presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca e per l’Università telematica internazionale UniNettuno. È docente di Scrittura per la produzione documentaristica presso la facoltà di scienze della formazione dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli. Insegna anche Documentazione scientifica all’Università degli Studi dell’Insubria di Como. Ed infine, è docente presso la facoltà di Scienze della Comunicazione e testimonial dell’Università di Cassino e del Lazio Meridionale. Venne premiato come giornalista e divulgatore scientifico nel corso dell’undicesima edizione del “Grand Prix Corallo Città di Alghero”.

Alessandro Cecchi Paone è, per esplicita dichiarazione dello stesso, affiliato al Grande Oriente d’Italia, la principale obbedienza della massoneria italiana.


Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

Aggiornamento colletta pro verità del 24 feb. 2017

Eccezionale!

+ € 31.036,00

grillomarcione###################

La milionaria colletta pro-verità sulla questione Grillo Britannia continua, siamo a +€ 31.036,00 alle ore 21:45 del 24 feb. 2017

Controllo il mio conto Paypal ogni 10 giorni circa per non stressarmi 😀 

Dal precedente controllo la colletta è aumentata di:

€ 867,00

Contribuisci clicca qui:
https://paypal.me/GiovanniSandi

Inesorabilmente arriverà il momento in cui il cialtrone proprietario unico del M5S sarà politicamente linciato dai suoi elettori.

Leggi qui sotto:

Perchè con Paypal? Ho scelto Paypal perchè è comodo e sicuro, chiunque con qualsiasi carta di credito anche prepagata, può sottoscrivere la colletta e in caso di fallimento dell’iniziativa (mancato raggiungimento dell’obiettivo entro un lasso di tempo ragionevole) potrò rimborsarvi tutti con un click del mouse, inoltre se dopo aver contribuito vi sorgessero dubbi e cambiate idea, potrete richiedermi il rimborso inviandomi una mail a g.sandi@tiscali.it con data dell’operazione, importo, nome e cognome, sarete immediatamente rimborsati solo se il video non sarà stato reso pubblico su questo sito web. 

Registratevi nel mio blog, a verifiche effettuate sarete autori e non subirete censure, fino a prova di buona fede: REGISTRATEVI CLICCANDO QUI

Voglio vedere il traditore BEPPE GRILLO e il mestatore Enrico Mentana sullo SPUTIBOLO

Voglio vedere il traditore Beppe Grillo e il mestatore Enrico Mentana su un carro incatenati alle centine, mentre un trattore li traina in piazza, gremita dai suoi elettori, nauseati e incazzati, Grillo riempie sempre le piazze.

il mestatore e il troglodita 😀

GRILLO ha mentito sulla sua partecipazione al meeting del Britannia del 2 giugno 1992, dove gli fu, dai potenti pirati finanziari, conferito l’incarico di manipolare l’opinione pubblica, attaccando pubblicamente in spettacoli televisivi e teatri, quella classe politica che fu contraria alle privatizzazioni.

Non voglio che vengano giustiziati con il taglio della testa, parlo di sputibolo, un palchetto montato su un carro al centro della piazza dove tutti possano quanto vogliano, sputarli in faccia.

Un tour spettacolare, nelle piazze di tutti i capoluoghi di regione italiani dove Beppe Grillo potrà finalmente ricevere il giusto compenso per il diabolico tradimento verso il Popolo italiano.

E il coglione mitraglietta? Che bisogno aveva di mentire? Concluderà la sua carriera di mestatore raccomandato e voltagabbana del miglior reddito, con il marchio dell’infamia dovrà fare le valige e andarsene dall’Italia.

Parlo del tradimento politico del Popolo italiano, avvenuto il 2 giugno 1992 con la partecipazione del troglodita di Genova, a cui si aggiunge il recente fatto gravissimo di aver mentito pubblicamente ai suoi elettori negando la sua partecipazione a quel meeting di criminali.

Mentana Enrico, il mestatore, ha negato pubblicamente di aver intervistato Grillo per qualche minuto sulla banchina del porto di Civitavecchia il 2 giugno 1992, dopo lo sbarco di Grillo dal tender del panfilo inglese Britannia.

Ricopriamoli di sputi!!

Per capire di più, cliccate qui


Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280


 

“sguazza come un maiale nel pantano politico del tanto peggio”

 

“sguazza come un maiale nel pantano politico del tanto peggio”.

È la tattica politico-mediatica del troglodita di Genova, me ne accorsi da subito quando sul web apparì il sacro cesso blog, lo osservai per alcuni mesi, era del tutto evidente che la demagogia era il metodo con il quale gli imbecilli assorbivano dai testi oltretutto scritti male e sgrammaticati, ma perfetti a infondere in quel popolo di ignoranti l’odio, la cosa che mi fece inorridire di più fu quando Grillo dopo aver infuso odio tra le classi sociali iniziò a infonderlo tra le generazioni, inducendo i giovani a odiare gli anziani, genitori compresi, colpevolizzando i vecchi di aver sempre, da 70 anni, concesso il consenso politico a chi, secondo lui, ha rovinato l’Italia, che alternative politiche c’erano?
Ma lui chi cazzo votava? Il PCI, la DC, i Radicali?
Gli unici politici contrari alla distruzione dell’Italia furono i Socialisti di Bettino Craxi che si imposero duramente contro le privatizzazioni decise dai pirati finanziari al meeting del Britannia il 2 giugno 1992.
Craxi disse: “non c’è alcuna differenza tra questo tipo di privatizzazioni e la rapina”.
Quel meeting vide la partecipazione attiva del troglodita di Genova, infatti dopo quella misteriosa riunione, Grillo iniziò la sua demagogica campagna anti-socialisti, cacciato dalla Rai trovò spazio sulla TV Svizzera Italiana, erano i suoi sponsor occulti della Goldman-Sachs a pagare per farlo apparire in TV, ma quando i dirigenti svizzeri si accorsero che istigava odio e non risate, lo accompagnarono alla porta, trovò ospitalità sulla TV a pagamento: TELE+, i banchieri corsero ai ripari e gli assicurarono un paio d’anni di grande successo e incassi formidabili.
Grillo a TELE+ fu la prima TV con decoder a pagamento in Italia
La magistratura corrotta, complice dei banchieri internazionali che a Di Pietro concessero il privilegio per il buon lavoro sporco svolto, finanziandogli le campagne elettorali infatti il magistrato, che da muratore tedesco divenne magicamente vice questore di Milano, poi sempre magicamente magistrato di punta alla Procura di Milano nel processo farsa “Mani Pulite”.
Distrussero l’intera classe politica e dirigente, che venne sostituita da uomini direttamente collegabili alle banche d’affari di Wall Street.
Questi sono i soggetti che hanno distrutto il paese: Amato, Ciampi, Dini, Prodi… 
E poi il reload del 2011, per mano del corrotto parassita Napolitano, nominò prima senatore a vita Mario Monti, poi capo di Governo con la complicità di tutti i parlamentari che concessero la fiducia al “Governo dello Spread”
 
SAPPIATELO E RICORDATELO.
 
Oggi abbiamo il capo della finta opposizione che frequentava orgogliosamente i nemici dell’Italia, il super milionario titolare di un patrimonio valutato nel 2013 in 500 milioni di euro, tra beni e liquidità, agli occhi dei sani di mente risulta del tutto evidente che gli interessi personali di Beppe Grillo sono diversi dagli interessi personali di ogni elettore del movimento 5 stelle.
Chiedete al troglodita la trasparenza e la dimostrazione che non esiste conflitto di interessi con il movimento 5 stelle.
Pretendete di vedere online le sue dichiarazioni dei redditi degli ultimi 10 anni. 

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280 

Domanda facile al Ministro dell’Interno Marco Minniti

Ministro dell’Interno Marco Minnitirisponda a questa domanda!
 
Se un movimento politico non ha uno statuto valido, come può avere presentato le liste elettorali e avere persone elette in Parlamento?
 

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

BEPPE GRILLO – PLURIOMICIDA CON LA FACCIA UGUALE AL CULO

Il 7 dicembre 1981, da Limone Piemonte, decise di partire con alcuni amici alla volta di Col di Tenda, un’antica via romana tra la Francia e la costa ligure: in pratica sono delle strade sterrate militari in alta quota che portano a delle antiche fortificazioni belliche della prima guerra mondiale.

Con lui c’erano i coniugi Renzo Giberti e Rossana Guastapelle, 45 e 33 anni, col figlio Francesco di 8, oltre a un altro amico che si chiama Alberto Mambretti.

Per farla breve: quel viaggio, d’inverno, è una follia.

È una strada d’alta quota non asfaltata e un altro gruppo di amici, nonché un’opportuna segnaletica, sconsigliavano vivamente, a essere precisi, la strada è chiusa da una sbarra che d’inverno viene abbassata con applicata una vistosissima segnaletica di divieto di transito a qualunque veicolo non autorizzato.

Fa niente: Grillo ha uno Chevrolet Blazer, un costoso ed enorme fuoristrada, per chi non l’avesse mai visto è il veicolo usato da Chuck Norris in Texas Ranger, peraltro molto inquinante, Grillo alzò la sbarra e con il potente Blazer 5.7 passò oltre.

Un quinto amico, Carlo Stanisci, forse si avvise del pericolo e decise di scendere dal veicolo assieme alla fidanzata e al suo cane.

Finì malissimo: all’altezza di Bec Rouge, alpi francesi, l’auto sbandò su un ruscelletto ghiacciato e scivolò verso la scarpata.

Grillo riuscì a saltar giù dall’abitacolo, ma gli altri no, l’auto rotolò nella scarpata per un centinaio di metri.

Alberto Mambretti gravemente ferito sopravvisse, non si sa come.

I coniugi Renzo Giberti e Rossana Guastapelle morirono, e ciò che resta del figlio venne trovato due ore dopo stritolato sotto il rottame del fuoristrada.

Dopo il disastro Grillo si rifugiò nella casa di Savignone che divise col fratello, aspettando il processo, l’imputazione errata fu: omicidio colposo plurimo, quella corretta avrebbe dovuto essere: OMICIDIO PLURIMO PER GRAVE DOLO EVENTUALE con pena minima prevista di anni 14 di carcere.

Dall’incompetenza di chi diresse le indagini e gli ravvisò l’imputazione Grillo fu graziato.

Questo è il capo politico e morale del Movimento 5 Stelle, che oltretutto  con il suo amico Enrico Mentana hanno pubblicamente mentito sulla questione Britannia del 2 giugno 1992. 


Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280