Bepppe Grillo: “io, chi sono?”

chiegrillo

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

BARRA AVANTI TUTTA, rotta: la disgregazione sociale

Nota Facebook di Giovanni Sandi 12 gennaio 2015 alle ore 10:34

Dopo la vergognosa depenalizzazione del reato di clandestinità, creano il CAOS: i Cittadini onesti e rispettosi della civile convivenza avranno ulteriori gravissime difficoltà a vivere circondati da stupratori, assassini e ladri.

I Politici italiani con il voto parlamentare hanno depenalizzato importanti reati attraverso il Decreto Legislativo di attuazione della Legge delega 67/2014 varato dal Consiglio dei Ministri.

Sono in tutto 112 i reati per quali non sarà più possibile per i Giudici condannare alla detenzione in carcere i responsabili, subiremo conseguenze disastrose, hanno di fatto ratificato il diritto di rubare, violentare, uccidere.

– Abbandono di persone minori o incapaci – art.591 c.p. co.1

– Abusivo esercizio di una professione – art348

– Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina – art.571 c.p.

– Abuso d’ufficio – art.323 c.p.

– Accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico – art.615 ter

– Arbitraria invasione e occupazione di aziende agricole o industriali. Sabotaggio – art.508 c.p.

– Adulterazione o contraffazione di cose in danno della pubblica salute – art.441 c.p.

– Appropriazione indebita – art.646 c.p.

– Arresto illegale – art.606 c.p.

– Assistenza agli associati (anche mafiosi) – art.418 co.1 c.p.

– Attentato a impianti di pubblica utilità – art.420 c.p.

– Attentati alla sicurezza dei trasporti – art.432 c.p.

– Atti osceni – art.527 c.p.

– Atti persecutori (stalking) – art.612 bis co.1

– Commercio o somministrazione di medicinali guasti – art.443 c.p.

– Commercio di sostanze alimentari nocive – art.444 c.p.

– Contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari – art.517 quater

– Corruzione di minorenne – art.609 quinquies co.1 c.p.

– Crollo di costruzioni o altri disastri dolosi – art.434 co.1 c.p.

– Corruzione – art-318 c.p.

– Danneggiamento – art.635 c.p.

– Danneggiamento a seguito d’incendio – art.423 c.p.

– Danneggiamento seguito da inondazione, frana valanga – art.427 co.1 c.p.

– Danneggiamento di informazioni e programmi informatici – art.635 bis c.p.

– Danneggiamento di sistemi informatici o telematici – art.635 quater c.p.

– Detenzione di materiale pornografico – art.600 quater c.p.

– Deviazione di acque e modifiche dello stato dei luoghi – art.632 c.p.

– Diffamazione – art. 595 c.p.

– Divieto di combattimento tra animali – art.544 quinquies

– Esercizio arbitrario delle proprie ragioni con violenza – artt.392-393 c.p.

– Evasione – art 385 c.p.

– Fabbricazione o detenzione di materie esplodenti – art.435 c.p.

– False informazioni al P.M. – art.371 bis

– Falsità materiale del P.U. – art.477 c.p.

– Favoreggiamento personale – art-378 c.p.

– Favoreggiamento reale art.379 c.p.

– Frode informatica – art.640ter co.1-2 c.p.

– Frode in emigrazione art.645 c.p.co.1

– Frode nelle pubbliche forniture – art.356

– Frode processuale – art.374 c.p.

– Frodi contro le industrie nazionali – art.514 c.p.

– Frode nell’esercizio del commercio – art.515 c.p.

– Furto – art.624 c.p.

– Gioco d’azzardo – art.718-719 c.p.

– Impiego dei minori nell’accattonaggio – art.600 octies c.p.

– Incesto – art.564 1 co. C.p.

– Inadempimento di contratti di pubbliche forniture art.355 c.p.

– Indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato – art 316 ter

– Ingiuria – art.594 c.p.

– Ingresso abusivo nel fondo altrui – art.637 c.p.

– Insolvenza fraudolenta – art.641 c.p.

– Interferenze illecite nella vita privata – art. 615 bis

– Interruzione di pubblico servizio – art.331 c.p.

– Intralcio alla giustizia – art.377 c.p.

– Introduzione nello Stato e commercio di prodotti falsi – art.474 c.p.

– Introduzione o abbandono di animali nel fondo altrui – art.636 c.p.

– Invasione di terreni o edifici – art.633 c.p.

– Istigazione a delinquere – art.414 c.p.

– Istigazione a disobbedire alle leggi – art.415 c.p.

– Lesione personale – art.582 c.p.

– Lesioni personali colpose art.590 c.p.

– Maltrattamento di animali – art.544 ter

– Malversazione a danno dei privati – art.315 c.p.

– Malversazione a danno dello Stato – art.316 bis

– Mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice – art.388 c.p.

– Manovre speculative su merci – art.501 bis c.p.

– Millantato credito – art.346 c.p.

– Minaccia – art. 612 c.p.

– Occultamento di cadavere – art.412 c.p.

– Oltraggio a P.U. – art.341 bis

– Oltraggio a un magistrato in udienza art.343 c.p.

– Omessa denuncia di reato da parte del P.U. – art.361

– Omicidio colposo – art.589 c.p. co.1

– Omissione di referto – art.365 c.p.

– Omissione di soccorso – art. 593 c.p.

– Patrocinio o consulenza infedele – art.380 c.p.

– Peculato mediante profitto dell’errore altrui – art.316 c.p.

– Percosse – art. 581 c.p.

– Possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi – art.497 bis co.1.

– Procurata evasione – art.386 co.1

– Procurata inosservanza di pena – art.390 c.p.

– Resistenza a P.U. – art. 337 c.p.

– Rialzo e ribasso fraudolento di prezzi sul pubblico mercato o nelle borse di commercio – art.501 c.p.

– Rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro – art.437 c.p.

– Rivelazione ed utilizzazione di segreti d’ufficio – art.326 c.p.

– Rivelazione di segreti inerenti ad un procedimento penale – art.379 bis

– Rifiuto di atti d’ufficio.Omissione – art.328 c.p.

– Rissa – art.588 c.p.

– Simulazione di reato – art.367 c.p.

– Sostituzione di persona – art.494 c.p.

– Sottrazione o danneggiamento di cose sottoposte a sequestro – art.334 c.p.

– Sottrazione di persone incapaci – art.574 c.p.

– Sottrazione e trattenimento di minori all’estero – art.574 bis

– Stato d’incapacità procurato mediante violenza – art. 613 c.p.

– Traffico d’influenze illecite – art.346 bis

– Truffa – art.640 c.p.

– Turbata libertà degli incanti – art.353

– Turbativa violenta del possesso di cose immobili – art.634 c.p.

– Usurpazione di funzioni pubbliche – art.347

– Uccisione di animali – art.544 bis

– Uccisione o danneggiamento di animali altrui – art.638 c.p.

– Vendita di sostanze alimentari non genuine come genuine – art.516 c.p.

– Vilipendio delle tombe – art.408

– Vilipendio di cadavere – art.410 co.1

– Violazione, sottrazione e soppressione di corrispondenza – art 616 c.p.

– Violazione di domicilio art.614 c.p.

– Violazione di domicilio commessa dal P.U. – art. 615 c.p.

– Violazione di sepolcro – art.407 c.p.

– Violazione di sigilli art.349

– Violazione degli obblighi di assistenza familiare – art.570 c.p.

– Violenza o minaccia a P.U. art.336 c.p.

– Violenza privata – art.610 c.p.

– Violenza o minaccia per costringere taluno a commettere un reato – art.611 c.p.

IL CAMPANELLO D’ALLARME HA SUONATO

Nota Facebook di Giovanni sandi – 10 gennaio 2015 alle ore 10:28

IL CAMPANELLO D’ALLARME HA SUONATO 

Delle due l’una:

  1. se l’attacco terroristico al settimanale francese fosse una messa in scena orchestrata per giustificare delle guerre di rappresaglia, rapina e occupazione contro le nazioni islamiche, dovremmo ribellarci e rivoltarci contro i responsabili arrestando, processando i nemici interni della convivenza civile, impedendo con tutte le forze possibili la disgregazione sociale e conflitti tra i popoli.
  2. Se l’attacco terroristico al settimanale francese fosse vero, dovremmo preoccuparci dell’inefficienza dei servizi di sicurezza delle nazioni UE, che non garantiscono alcuna pacifica convivenza e ordine interno, che permettono l’ingresso senza controllo di cani e porci con armi e ordigni nei territori sovrani delle nazioni.

In ogni caso: i Cittadini hanno il diritto e il dovere di chiudere le frontiere, di adottare ogni metodo per difendere se stessi, la propria famiglia, la propria casa e ogni cosa che gli appartiene, difendere la comunità in cui vivono, associandosi e organizzandosi in comitati di difesa autonoma, costituendo gruppi paramilitari scelti tra i Cittadini volontari, addestrandoli e armandoli al meglio, dal momento che le strutture statali, ministeriali di interni e difesa hanno dimostrato di essere incapaci di assolvere il dovere costituzionale per la tutela dei Cittadini, le strutture statali, ministeriali di interni e difesa delle quali sorge il fondato sospetto che siano complici ubbidienti ai fomentatori di disgregazioni sociali e guerre, quindi, nemici interni del Popolo, vanno disconosciute e allontanate dal controllo della comunità in quanto ubbidienti al potere politico criminale.

Per evitare il massacro delle nostre famiglie, il genocidio del Popolo, abbiamo il solenne dovere di imporre la nostra volontà, disconoscendo le autorità politiche criminali, sciogliendo la criminale struttura parlamentare di Camera e Senato, rimuovendo ogni carica politica che le controlla, fondando il principio universale, l’unico possibile migliore metodo politico gestito dalla Sovrana Volontà Diretta dei Cittadini.

Visto il fallimento della repubblica parlamentare e le aberrazioni sociali di cui siamo tutti testimoni:

Il potere politico ha un solo padrone: IL POPOLO ITALIANO.

Ignorare l’allarme potrà costarci la vita.

W il Popolo Italiano onesto, pacifico e laborioso.

Giovanni Sandi – 10 gennaio 2015

g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

L’unico progetto possibile.

Nota Facebook di Giovanni sandi – 3 gennaio 2015 alle ore 2:23

Il “REDDITO DI CITTADINANZA” non è affatto una brutta idea, anzi, è la soluzione alla povertà crescente che rende i Cittadini schiavi (meglio dire succubi) di quegli enti statali, regionali e provinciali che nella loro inefficenza ancora riescono ad assolvere tra un’inadempienza costituzionale e l’altra l’istituzionale incarico sociale, raschiando il barile e spillando parte del reddito a chi ce l’ha.  (miserabili forme di compensazione ai pochi indigenti che sanno rompere i coglioni alle assistenti sociali)

Pensate se a tutti, belli e brutti, poveri e ricchi che lo richiederanno venisse concesso il reddito di cittadinanza indicizzato al costo della soppravivenza, ossia che possa garantire a ogni Cittadino alloggio, vitto, vestiario decoroso e anche la vacanza in colonia marittima o montana in estate per 20 giorni, non sarebbe socialmente un progresso per una collettività che potrà finalmente definirsi moderna?

Le risorse monetarie non sono da ricercare o da chiedere a qualcuno, si creano, il denaro è una convenzione, a nuove convenienze creiamo nuove convenzioni, ma se non c’è la volontà dei Cittadini di progredire… diventa fiato sprecato 😀

https://www.youtube.com/watch?v=MlNAyRnKykk

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – +393388158280