Beppe Grillo è un traditore e i suoi elettori dei coglioni – non c’è altra spiegazione

Dopo le deliranti affermazioni di Beppe Grillo e la dichiarazione ufficiale apparsa sul sacro cesso blog in cui viene affermata la posizione del Movimento 5 stelle sulla obbligatorietà dei vaccini.

Sento il solenne dovere di affermare con certezza assoluta che, Beppe Grillo è un irresponsabile e criminale.

Il partito politico di proprietà di Beppe Grillo ottiene il consenso politico da soggetti elettori privi di spirito critico, ignoranti o dementi.

Il partito politico di Grillo ha una rappresentanza parlamentare al 25%, in 4 anni d’attività, questi parlamentari non sono stati capaci di imporre o proporre alcunché di buono e quando avrebbero fatto la differenza, hanno lasciato il parlamento, astenendosi di fatto dal votare contro a quelle leggi antiuomo che il parlamento complice di un governo sempre inadeguato agli interessi del popolo continua a legiferare.

In 4 anni di parlamento con 3 governi, Letta, Renzi e Gentiloni, sorretti da una maggioranza che rappresenta solo interessi della casta politica e delle lobby di appartenenza dei parlamentari e dei membri del governo.

I parlamentari che rispondono alle direttive di Beppe Grillo, si sono opposti solo a chiacchiere imbonendo gli elettori, (trad. “presa per il culo”) dal momento che l’opposizione si realizza votando contro.

Beppe Grillo, il comico che fa cagare, era lui che il 2 giugno 1992 sbarcava dal tender della nave Britannia nel porto di Civitavecchia dopo aver partecipato al meeting dei pirati saccheggiatori dell’economia italiana, Quel giorno ero in porto a Civitavecchia a 20 metri dalla troupe di Canale 5 Con i miei occhi lo vidi sbarcare e intervistare dal babbeo MESTATORE Enrico Mentana per l’edizione straordinaria o speciale del TG5.

(La MAFFIONERIA – sono gli amici del merdaiolo Beppe Grillo, il super milionario padrone di un patrimonio valutato 500 milioni di €uro.)

Il video è stato caricato sul server di questo blog

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

Leggete cosa scrive il troglodita di Genova

di MoVimento 5 Stelle

Il MoVimento 5 Stelle è a favore delle vaccinazioni e vuole che nel Paese ci sia la massima copertura vaccinale possibile. Noi siamo favorevoli all’obbligatorietà dei quattro vaccini che oggi, per legge, sono gia’ obbligatori, e siamo anche favorevoli all’introduzione di misure di obbligatorieta’ per vaccini che proteggono da malattie per le quali esiste una reale emergenza epidemica (come esiste al momento per il morbillo). Sullo specifico delle misure di obbligatorieta’ come introdotte nel Decreto Lorenzin ci riserviamo di giudicare dopo aver letto il decreto nella sua interezza (e nella sua versione definitiva), e dopo esserci consultati con i nostri esperti nazionali ed internazionali di riferimento. La nostra speranza e’ che su questo tema si possa avere una seria discussione tra tutte le forze politiche, possibilmente senza strumentalizzazioni di alcun genere, vista l’importanza del tema in termini di diritto alla salute individuale e pubblica.

Fatta questa doverosa premessa, il MoVimento 5 Stelle rimane favorevole – in linea generale ma con le dovute specificazioni la cui complessita’ non puo’ essere discussa o riassunta in un comunicato stampa– allo sviluppo di una politica di raccomandazione dei vaccini capillare nel territorio, sostenuta dalle necessarie risorse finanziarie ed infrastrutturali, affinchè le famiglie siano accompagnate dai propri pediatri e dai propri medici verso la vaccinazione, e affinche’ venga rimosso ogni ostacolo pratico alla vaccinazione stesso (in altre parole, un adeguato potenziamento dei servizi a tutti i livelli).

L’approccio che noi proponiamo include anche lo stanziamento di risorse per la creazione di
(i) un anagrafe vaccinale nazionale,
(ii) efficaci meccanismi di monitoraggio della copertura a livello nazionale e regionale,
(iii) la formazione di un comitato indipendente di consulenza composto da esperti del settore (i.e., sul modello americano dell’ ACIP, Advisory Committee on Immunization Policies) con almeno il 50% di rappresentanti internazionali.

Questo approccio, che e’ modellato sulle “immunization policies” dei paesi Scandinavi (e di 47 stati USA su 50), si basa sul coinvolgimento attivo e responsabile della popolazione ed ha anche il notevole vantaggio di creare un patrimonio di fiducia reciproca tra cittadini ed istituzioni che potra’ essere usato per implementare ogni altra politica di prevenzione sanitaria (alimentazione, allattamento, attivita’ fisica, etc). Come spiegato precedentemente, questa posizione di fondo in favore di un approccio “persuasivo” alla vaccinazione include clausole di salvaguardia che introducono misure coercitive (i.e., “obbligo”) in caso di emergenze epidemiche oppure di cadute della copertura vaccinale sotto le soglie che garantiscono l’immunità di gregge.

Va da se’ che questo tipo di approccio non può essere considerato ne’ interpretato in alcun modo come una posizione più morbida nei confronti dell’anti-vaccinismo, che e’ un fenomeno senza alcuna base scientifica che noi rigettiamo completamente. Al contrario, noi crediamo che il tipo di persuasione attiva e capillare cosi’ delineato rappresenti il modo migliore per sconfiggere ogni forma di “vaccine hesitancy” e “vaccine resistance” in modo completo e duraturo. In questo senso noi respingiamo fortemente qualsiasi insinuazione su una presunta equazione “obbligo contro non-obbligo = pro-vaccini contro anti-vaccini”, che e’ del tutto insensata dal punto di vista scientifico.

Come detto all’inizio del comunicato, noi confidiamo sul fatto che su questo tema cosi’ importante si possa avere una discussione seria ed informata tra tutte le forze politiche italiane. Sarebbe la soluzione giusta per tutti, ed il modo migliore per sviluppare insieme la miglior “immunization policy” per il nostro Paese.


Beppe Grillo, ma vaffanculo te e tutti i partecipanti al meeting del Britannia del 2 giugno 1992.

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

Vaccinato, è morto

“Pochi giorni fa a Ragusa è morto un bimbo di due mesi subito dopo la vaccinazione. Sicuramente ci sarà una autopsia ma credo probabile che si concluderà con l’esclusione della responsabilità del vaccino. In tutti questi casi, infatti, le autopsie, anche quelle disposte dalla magistratura, hanno come unico obiettivo quello di escludere la responsabilità dei vaccini e per questo vengono condotte quasi sempre da medici (anatomopatologi) che ignorano queste problematiche e che dopo accertamenti grossolani concludono con dei referti che escludono i vaccini da ogni responsabilità. Ho potuto partecipare recentemente a due autopsie per sospetto danno da vaccino ed in entrambe l’anatomopatologo non ha voluto eseguire i test da me richiesti, nè il magistrato glieli ha imposti. Anche la prassi di utilizzare la formalina per la conservazione dei campioni gioca a questo fine poichè la formaldeide distrugge tutti i virus, mentre se i campioni fossero congelati ci sarebbero maggiori possibilità di individuare germi o virus o loro frammenti anche dopo molto tempo.
Questo è avvenuto solo nel caso del piccolo Emiliano di Padova dove ho potuto dimostrare con assoluta certezza la responsabilità del vaccino antimorbillo nel decesso solo perchè il CTU ha accolto le mie richieste di esame ed ha conservato correttamente i campioni. In quel caso, per il Ministero, si trattava di una caso di meningite e nonostante sia stato smentito non lo ha mai inserito nei casi di reazione avversa grave a vaccino antimorbillo. Peggio ancora la ASL che ha fatto vaccinare contro la meningite tutti i compagni di asilo del piccolo senza che vi fosse la necessità. Per questo è necessario fornire alle famiglie una informazione corretta per cui – anche quando effettuano la scelta di vaccinare i propri figli – siano informate sui loro diritti nel caso si verifichi una reazione avversa e sappiano cosa fare immediatamente, a chi rivolgersi e quali sono i meccanismi che devono avviare subito per evitare che dopo il danno subiscano anche la beffa di non vedersi riconosciuto il rapporto causale con la vaccinazione e quindi alcun diritto, situazione che oltretutto continuerebbe a negare la giusta informazione a tutti.”
DOTT Dario Miedico (ovviamente è stato radiato perchè nessun dubbio è permesso) 03/07/2015

CLAMOROSA SCONFESSIONE DEL MORBILLO-VIRUS NELLA GERMANIA DEL PROF LANKA

CLAMOROSA SCONFESSIONE DEL MORBILLO-VIRUS NELLA GERMANIA DEL PROF LANKA

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

La battaglia che non si combatte [Alceste]

La geopolitica è interessante, appassionante e ci consente di tifare come juventini e interisti, ma in Italia non esiste che un conflitto: quello del patriziato italiano contro il resto del paese. Il patriziato, che assomma circa il 20% degli italiani, è assai variegato al suo interno. Ne fanno parte, infatti, personaggi fra loro apparente diversi: Prodi e Monti, capoccia dell’ANM … Continua a leggere→

Sorgente: La battaglia che non si combatte [Alceste]

LA GLOBALIZZAZIONE

Ogni giorno che passa ho sempre più evidente la certezza che la globalizzazione viene indirizzata e interpretata nel senso della realizzazione dell’ampliamento della porzione di ricchezze e potere politico di cui pochi si appropriano. (mafie)

Significa che ci sono due processi, il primo nascosto dal secondo:

1) Il processo di accumulazione e concentrazione delle risorse. (sotto il controllo di pochi individui – secondo un modello piramidale politico mafioso, non importa quale che sia l’ideologia che lo ammanta)

2) Con “globalizzazione” si dovrebbe intendere: il processo di ampliamento dell’area di scambio e della quantità di informazioni e risorse. Questo processo è stimolato dalla crescente velocizzazione degli spostamenti, e dalla riduzione dei loro costi, l’umanità è globalizzata da patti naturali, che nessuno prevalga sui territori altrui e rimanga nel suo e sviluppi l’economia di scambio con le proprie risorse.

La globalizzazione è il target del NWO (Nuovo Ordine Mondiale).

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

VIDEO – All’oca del Campidoglio piacciono i gabbiani

Se lo racconti non ti credono, guarda il video

Virginia RaggiSindaca de Roma…

C’è da rimanere sbigottiti davanti a prove di stupidità di questo tipo.

Questi sono i soggetti politici del Movimento 5 Stelle che vogliono imporsi come nuova classe politica.

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280