La Siria e il presidente Assad

La famiglia Assad appartiene agli alawiti. La parte più tollerante dell’Islam.

Le donne siriane hanno gli stessi diritti degli uomini nella sanità e nell’istruzione.

Nei Paesi dell’area mediorientale, la Siria è annoverata fra i più progressisti in termini di diritti di genere
In Siria le donne non sono obbligate a indossare il burqa.

La Sharia (la legge islamica) è incostituzionale.

La Siria è l’unico paese arabo con una costituzione laica e non tollera movimenti estremisti islamici.

Circa il 10% della popolazione siriana appartiene ad una delle molte denominazioni cristiane presenti sia nella vita politica che sociale. Questa tolleranza religiosa è unica nella zona.

In altri paesi arabi la popolazione cristiana è inferiore all’1% a causa dell’ostilità sostenuta.

La Siria è l’unico paese del Mediterraneo che resta il proprietario della sua compagnia petrolifera, che ha chiesto di non privatizzare.

In Siria viene concesso il mutuo sociale di dignità per acquistare casa con prestiti molto agevolati.

La Siria ha una apertura alla società e alla cultura occidentale come nessun altro paese arabo.

Fino a prima della guerra civile, l’Italia ha stretto molti accordi di collaborazione con la Siria.

In occasione della visita in Siria nel 2010, Napolitano elogiava Assad e sua moglie per aver reso la Siria un paese civile, laico, tollerante e rispettoso delle minoranze.

Nel corso della storia ci sono stati cinque papi di origine siriana.

Benedetto XVI nel suo discorso all’ambasciatore siriano presso la Santa Sede ha definito la Siria come un esempio unico al mondo “di pacifica coesistenza e tolleranza tra i seguaci di diverse religioni”.

Prima della guerra civile era l’unica zona tranquilla senza guerre o conflitti interni.

La Siria è l’unico paese arabo senza debiti con il Fondo monetario internazionale ed ha una sua sovranità monetaria.

È uno dei pochissimi paesi al Mondo insieme a Russia, Cina, Afghanistan, Iraq, Sudan, Libia, Cuba, Nord Corea, Iran e Islanda a non avere una Banca Centrale Rothschild.

La Siria ha ammesso i rifugiati iracheni senza alcuna discriminazione sociale, politica o religiosa.

Bashar Al-Assad ha un altissimo consenso popolare.

La Siria ha una riserva di petrolio di 2.500 milioni di barili, il cui funzionamento è riservata per le imprese di proprietà statale.

In una delle e-mail rivelate da Wikileaks, Hillary Clinton scriveva: “Il modo migliore di aiutare Israele a gestire la crescente capacità nucleare dell’Iran è aiutare il popolo siriano a rovesciare il regime di Bachar al-Assad”. Aggiungendo “sarebbe buona cosa minacciare di morte direttamente la famiglia del presidente Assad”.


Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

PETITION: President Trump—Commit to Glass-Steagall by State of the Union

PETITION: President Trump

Commit to Glass-Steagall by State of the Union

http://action.larouchepac.com/petition_glass_stegall_trump_sotu

 

 Giovanni sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280 

VIDEO – Confessioni di un prete pericoloso

!! SCONVOLGENTE !!

Confessioni di un prete pericoloso

LE TRE ARISTOCRAZIE

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

Sergiuzzo Tirapasta – DISCORSO DI CAPODANNO

DISCORSO DI CAPODANNO 2017

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

BALASSO 2017

2017

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280

ROMANZO QUIRINALE – TERZO ATTO

ROMANZO QUIRINALE – TERZO ATTO

Donald Trump contro tutti, ha vinto!

IL VINCITORE

donaldtrumpvinner
45° Presidente degli Stati Uniti d’America

Ho tifato per Trump, avendo la certezza che se avesse vinto la Killary Clinton per il mondo intero sarebbe stata una catastrofe.

Tutti i sondaggi e previsioni davano per vincente la Killary, era solo propaganda per condizionare le elezioni.

KILLARY CLINTON
KILLARY CLINTON

Per la bestia guerrafondaia si sono mossi tutti i servi del NWO, dai politici di parte compresi gli stessi repubblicani del partito di Trump, televisioni e radio, giornali e riviste, cantanti e attori, anche quelli porno tanto amati dalla famiglia Clinton.

Bene, ha vinto Donald Trump, vedremo se adesso nominerà un segretario di stato disubbidiente al NWO.

Gli esperti economici di Wall Street immaginano un indebolimento del dollaro, le borse vacillano ma non crollano, tutti i mestatori pronti a cagarsi addosso anche senza cacca.

Che una nuova era di dialogo e pace si diffonda dagli Stati Uniti a tutto il mondo.

I bookmakers americani e inglesi si sono suicidati, davano Donald Trump 3 a 1 😀

Giovanni Sandi – g.sandi@tiscali.it – 338 8158280